NEWS Agenda

NEWS – NSFW: ‘Love’ il film porno 3D in concorso a Cannes

tumblr_n01admw0gh1rjst5lo1_1280

Gaspar Noè

“Spero che faccia venire erezioni ai ragazzi e bagnare le ragazze”

Queste le parole di Gaspar Noè, l’enfant terrible del cinema coevo che dopo aver sollevato un gran polverone con le sue precedenti pellicole, ‘Enter The Void’ e ‘Irreversible’ torna a far parlare di sé con un porno d’autore in 3D.

Riuscito ad accaparrarsi all’ultimo momento un posto per la proiezione di mezzanotte al Festival di Cannes, il film, secondo le dichiarazioni di Noè, racconta la storia di un triangolo amoroso visto da un punto di vista sessuale e dai toni melodrammatici, il tutto condito dal sempre più trito e ritrito 3D che questa volta si spera possa dare un tocco veramente interessante alla pellicola. Il protagonista è interpretato dal semi-sconosciuto Karl Glusman scelto anche da Nicolas Winding Refn per il suo attesissimo e imminente Horror ambientato a Los Angeles, ‘The Neon Demon’ e da Roland Emmeric per il suo dramma sui diritti dei gay ‘Stonewall’.

Immagine 111

Karl Glusman

Gaspar Noè ci aveva già abituati a scene e temi fuori dalle righe, come la famosissima e conturbante sequenza dello stupro di Monica Bellucci in ‘Irreversible’ e le lunghissime scene psichedeliche provocate da trip di DMT in ‘Enter The Void’ (una potentissima droga che provoca visioni simili a quelle vissute pre-morte), ma questa volta sembra voler andare oltre. Qualche giorno fa la produzione ha twittato un poster sfacciatamente esplicito in cui si vede chiaramente un pene che eiacula su un seno, in uno stile visivo molto anni ’70. Il poster ha lasciato tutti a bocca aperta e si è aggiudicato de facto il titolo di poster più esplicito nella storia del cinema mainstream, nemmeno ai tempi di Tinto Brass si era visto qualcosa di simile (potete vedere il poster qui).

Love

Il poster SFW

Anche ‘Nymphomaniac: Vol. I’ di Lars Von Trier ai tempi della promozione prima dell’uscita aveva calcato la mano sui toni pornografici della pellicola, ma alla fine la censura ha avuto la meglio e delle performance sessuali delle controfigure nelle sale è rimasto poco e niente, sicuramente a causa degli ovvi problemi di distribuzione che un film del genere non censurato avrebbe avuto. Riuscirà quindi Noè ad avere meglio sulla censura e arrivare in versione integrale anche nelle sale italiane? E se ‘50 sfumature di grigio’ nonostante la sessualità fortemente velata, ha scatenato episodi di autoerotismo e sex toys in sala, quale sarà la reazione del pubblico a un film che si propone fin dall’inizio dichiaratamente porno e per di più in 3D? Ci separa poco più di una settimana dal Festival di Cannes (13 maggio) quindi lo scopriremo presto.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...